Fondazione Prada _ Ca’ Corner della Regina

02/10/2011

La Fondazione Prada annuncia l’apertura, dal 31 maggio 2011, di Ca’ Corner della Regina, storico palazzo 

affacciato sul Canal Grande, come sua nuova architettura espositiva. Messo a disposizione dalla Fondazione 
Musei Civici usufruttuaria dello storico stabile di proprietà del Comune di Venezia, per un periodo di tempo 
di sei anni con intesa di rinnovo, l’edificio sarà aperto con una mostra che documenta l’attività multiforme 
della Fondazione Prada.
Ca’ Corner della Regina è considerato il primo esempio di architettura che introduce parametri dominanti
non barocchi anche se permangono elementi della precedente stagione. Costruito tra il 1724 e il 1728 
da Domenico Rossi per conto della famiglia dei Corner di San Cassiano sulle rovine del Palazzo in cui nacque
Caterina Corner, futura regina di Cipro, presenta un’architettura che si rifà allo stile della vicina Ca’ Pesaro
di Baldassarre Longhena, attuale sede della Galleria Internazionale d’Arte Moderna. L’edificio modulato su 
tre livelli, caratterizzato dalla presenza di due ammezzati tra piano terra e primo piano, è rivestito in pietra 
d’Istria sulla facciata principale e bugnato dal pianterreno fino al mezzanino. L’ultimo proprietario della 
famiglia Corner lasciò il palazzo a Papa Pio VII. In seguito fino al 1969 la dimora ospitò la congregazione 
dei Padri Cavanis e il Monte di Pietà, mentre dal 1975 al 2010 ha ospitato l’ASAC, Archivio Storico delle Arti 
Contemporanee. Il restauro, sostenuto dalla Fondazione Prada, per ora conservativo, è stato pianificato con 
gradualità in base alle direttive della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e 
della Laguna, con l’affiancamento della Fondazione Musei Civici di Venezia.
L’esposizione offre una lettura dell’approccio culturale della Fondazione senza imporre un’interpretazione 
tematica e univoca del materiale artistico e museale presentato. Le singole installazioni e presenze nelle 
stanze del palazzo sono quindi da considerarsi esempi che testimoniano i diversi aspetti dell’identità, passata 
e futura, della Fondazione Prada, creata nel 1993 da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli per diffondere l’arte 
contemporanea.